le organizzazioni delle donne chiedono, inascoltate, cambiamenti alla Costituzione
tutt'oggi forti sono le discriminazioni e le violenze contro le donne in Birmania

Nel corso della Conferenza Pechino +20, tenutosi a Bangkok, le attiviste per i diritti delle donne, rappresentanti del governo e delle organizzazioni della società civile come pure gruppi di attiviste esiliate, hanno partecipato alla  hanno aggiunto la loro voce allo spinoso dibattito sul cambiamento della costituzione. E hanno chiesto cambiamenti urgenti per promuovere la parità di genere. La conferenza ha effettuato una valutazione dei progressi realizzati negli ultimi 20 anni nei paesi asiatici per quanto riguarda l’empowerment delle donne e la eguaglianza di genere.

Nyo Nyo Thin, una parlamentare di Rangoon ha dichiarato all’Irrawaddy che “ il rapporto del governo birmano che è stato condiviso nel corso della riunione di valutazione regionale è incompleto e solleva una serie di questioni legali e pratiche. Secondo Nyo Nyo Thin, il rapporto è stato presentato da un funzionario del Ministero degli affari sociali. “ non solo questo, il rapporto non riflette le condizioni attuali che la maggioranza delle donne birmane devono affrontare” Sia Nyo Nyo Thin che le altre attiviste che hanno partecipato hanno sottolineato che molti birmani, soprattutto nel governo non si rendono conto dell’ampiezza delle discriminazioni nei confronti delle donne in Birmania e hanno chiesto l’introduzione nella costituzione di  misure temporanee speciali finalizzate a raggiungere la parità di genere. La Birmania ha sottoscritto nel 1997 la Convenzione ONU per la eliminazione di tutte le forme di discriminazione nei confronti delle donne.e la Costituzione del 2008 prevede specificatamente che “l’Unione non attuerà alcuna discriminazione nei confronti di nessun cittadino della Repubblica dell’Unione di Birmania, in base alla razza, nascita, religione, posizione ufficiale, status, cultura, sesso e situazione economica” . Ciò nonostante molte donne birmane continuano a subire discriminazioni sia nel mercato del lavoro o come vittime di abusi sessuali da parte di militari o molestie per la strada.

Shwe Shwe Sein Latt, Direttrice di Pan Tee Eain e leader della Women’s Organization Network,  ha chiesto la costituzione di un nuovo ministero per la parità di genere e l’empowerment delle donne, visto che il Ministero del welfare, oggi responsabile di tali problemi gestisce un cosi vasto ventaglio di responsabilità che la sua efficacia è ridotta. L’aumento della sensibilità sulle questioni di genere è un bisogno molto forte a tutti i livelli della società, dalla base alle organizzazioni della società civile ai burocrati governativi. Con il crescere della discussione sulla riforma costituzionale  i gruppi di donne hanno fatto campagna per ottenere emendamenti che potrebbero proteggere e dare potere alle donne. Ma tali impegni non hanno ottenuto alcuna risposta da parte del comitato parlamentare incaricato di valutare gli emendamenti alla costituzione. “ da anni solleviamo la questione, ma non abbiamo mai ricevuto alcuna risposta. Cio nonostante continuiamo a inviare  loro le nostre richieste”.  La dichiarazione di Pechino, nota anche come Piattaforma di Azione è stata adottata nel 1995 e costituisce una cornice per la realizzazione della parità di genere e l’empowerment delle donne e delle ragazze” secondo il Comitato economico e sociale  ONU per l’Asia e Pacifico.

 

News