Perché bisogna preoccuparsi dei Monaci Estremisti del gruppo Ma Ba Tha
il gruppo buddhista estremista sta prendendo piede in tutto il paese

Perché bisogna preoccuparsi dei Monaci Estremisti  del gruppo Ma Ba Tha

Uno degli sviluppi piè preoccupanti in una democrazia nascente è l'istituzionalizzazione e l'integrazione delle ideologie estremiste. I paesi in fase di transizione politica sono forse più sensibili a ciò, viste le condizioni dell’iniziale processo di democratizzazione - le manovre di gruppi per il potere in un momento in cui le istituzioni sono troppo deboli per vincolare quelle forze. In queste situazioni vi sono le condizioni perché le ideologie di massa prendano piede e proliferino. Alcuni gruppi possono usare i canali dei media più aperti per manipolare sentimenti nazionalisti, giocare sulle paure del pubblico su ciò che la democrazia potrebbe produrre e diffondere nuove "verità" circa le intenzioni ostili di elementi all'interno della società.

Questi gruppi si trincerano dietro i valori della tradizione, e avvertono che il cambiamento di qualsiasi tipo, si tratti di nuovi partiti politici che accrescono il  loro potere, o la crescita demografica che modifica la  società -sono intrinsecamente minacciosi. In tal modo essi acquisiscono un ampio sostegno popolare nei confronti di politiche o azioni che in altri contesti sembrerebbero estremiste, ma in questa situazione vengono viste solo come risposta alla prospettiva di un cambiamento.

la Birmania non è sfuggita a ciò. Il fantasista più evidente in questa arena è il gruppo di monaci Ma Ba Tha, nato dal movimento anti-islamico 969 ora ha uffici in tutto il paese ed è composto da monaci e laici. Questa settimana si è impegnata per far espellere un'ONG locale per  aver aiutato le vittime delle inondazioni nel nord della Birmania per il  fatto che l'ONG non si era coordinata con  il gruppo di Ma Ba Tha durante le operazioni di soccorso. Nella città di Kawlin dove l'ONG aveva lavorato, quasi 50.000 persone sono state colpite dalle inondazioni e, pertanto,  avevano urgente bisogno di questa assistenza.

Ma ciò che è forse più preoccupante rispetto alla scelta di Ma Ba Tha  di negare aiuto a chi ne ha bisogno - che è stato in grado di ottenerlo con molta facilità, sta nel fatto che ora ha la sicurezza necessaria per esercitare l'autorità in quel modo. La fiducia non nasce dal nulla - ma richiede l'appoggio tacito o addirittura la collusione, di elementi all'interno dello Stato e il sostegno di una fetta consistente della popolazione. Diversi anni fa il gruppo di Ma Ba Tha non avrebbe potuto ottenere un risultato così rapido a Kawlin, ma nel corso del tempo è stato in grado di costruire, mattone su mattone, un istituto formidabile con il potere di orientare dibattiti in parlamento e persuadere i parlamentari a sostenere leggi anti-democratiche  e discriminatorie che i suoi stessi membri avevano predisposto. Si predica un modello di esclusione nazionalista che ha trovato un ampio sostegno perché lega il destino del paese al destino del buddismo, in modo che coloro che non sono sostenitori del buddismo - vale a dire, le altre religioni - non sostengono il progetto nazionale e, quindi, minacciano la  Birmania e il suo popolo. E  il più astuto degli allarmismi.

Il governo non ha avuto ne la capacità ne la volontà di frenare il gruppo. Il fatto che il parlamento abbia approvato varie leggi estremamente discriminatorie “di protezione della razza e della religione” dimostra che il sostegno ideologico del gruppo coinvolge i più alti livelli del potere. Naturalmente non tutti in Birmania appoggiano il gruppo  Ma Ba Tha - e voci vitali e coraggiose manifestano  contro di esso - ma il gruppo ha acquisito sufficiente influenza per passare dal livello di  piccolo gruppo di attivisti su piccola scala ad una sorta di gruppo di pressione di massa a livello nazionale in modo da poter efficacemente scrivere le leggi.

 Il gruppo, nonostante qualche conflitto, ha apertamente sostenuto l’Union Solidarity and Development Party (USDP) e calunniato il partito d’opposizione: la Lega Nazionale per la Democrazia (Nld) sostendendo che  sia un partito amante dei musulmani, facinoroso non patriottico che vuole  ottenere il tipo di modifiche che Ma Ba Tha  ha indicato come minacciose. Con le risorse già disponibili, le paure popolari alimentate dalla prospettiva di avere al potere un tale partito  "ostile" possono essere facilmente attivate, quindi eliminando il sostegno all’ NLD. Anche se è improbabile che questo possa influenzare il risultato delle elezioni di novembre, è stata  ben avviata una campagna mirata che potrebbe avere ripercussioni a lungo termine.


U Wirathu, il suo simbolico leader, parla del gruppo come di una divinità: "Siamo venuti giù dal cielo ... Siamo persone brillanti." Questo approccio è particolarmente sinistro perché include implicitamente il messaggio che coloro che non sono ideologicamente allineati sono l’opposto, non puri, non eccezionali, ma nefasti e minacciosi. Su questa dicotomia si fonda gran parte del suo lavoro, le leggi per la " protezione della razza e della religione" puntano a proteggere il buddismo dai diavoli dell'Islam, come uno scontro tra le forze dei "cattivi" e dei "buoni" i cui membri condividono tutti quei tratti. Nonostante la semplificazione di un tale inquadramento, l'approvazione delle leggi dimostra  come questa campagna si sia dimostrata estremamente efficace.

Gruppi  della “società incivile” come Ma Ba Tha possono diventare in molti modi più potenti dei detentori del potere formale, perché entrambi influenzano pesantemente la legislazione, non sono vincolati dalle stesse leggi che limitano il peso dei partiti politici e non sono soggetti al controllo delle loro azioni. La loro base non è composta da iscritti al partito, ma da reti fluide di sostenitori e agitatori presenti in tutti i gradini della società, e che può fare campagne su temi a prescindere dalle regole dei cicli elettorali, o può minacciare proteste di massa quando le cose non non vanno come vorrebbero. La loro retorica non è temperata dall’ortodossia politica, ma è libera di creare "posizioni" su gruppi rivali, di diffonderle attraverso canali di informazione sempre più aperti, e di  prescrivere soluzioni piuttosto sinistre ai problemi apparentemente creati dalle organizzazioni rivali.

Così, mentre possiamo scioccarci per quello che è avvenuto a Kawlin, non dovremmo sorprenderci. Da troppo tempo il potere di Ma Ba Tha è cresciuto fuori controllo, e ora funziona su due livelli: il locale, dove la sua rete di uffici lungo la Birmania mostra sempre più  che si stanno comportando de facto come autorità locali, e la dimensione nazionale, dove può basarsi su un ampia base di sostegno civile, ma molto pericolosa,  che può far sentire le sue politiche in Parlamento con una patina di sostegno popolare. Gruppi come Ma Ba Tha sono prodotti diretti della democratizzazione - il loro obiettivo è quello di sfruttare le emergenti libertà di movimento e di informazione per catturare le istituzioni statali quando sono ancora deboli. Come abbiamo visto in Birmania, nessuno soggetto al potere sta organizzando un’opposizione  -  e questo vuoto è esattamente ciò Ma Ba Tha, oggi forse una delle più grandi minacce per la transizione della Birmania, ha bisogno di indirizzare meglio il corso della transizione.

 

News