21/11/2013
Proteste contro i rischi dell'inquinamento frenano il nuovo terminal petrolifero birmano
proteste di cittadini e ambientalisti pongono in dubbio la costruzione di una nuova raffineria petrolifera

Il terminal petrolifero birmano si trova di fronte a uno stop a causa delle proteste nello   Yunnan


Il porto petrolifero di Kyaukphyu sulla costa birmana dello stato Arakan e l’oleodotto che attraversa il paese per trasportare petrolio nella provincia cinese dello Yunnan senza sbocco al mare, si trova di fronte a enormi problemi che potrebbero ritardare o rallentare la loro operatività. Quasi il 50% dei 22 milioni di petrolio grezzo dal Medio Oriente e Africa secondo i piani dovrebbero iniziare a defluire attraverso Kyaukphyu per arrivare ad una nuova raffineria a Kunming, la capitale dello Yunnan. Ma l’opposizione pubbica cinese e alcuni problemi ambientali hanno portato al rallentamento nella costruzione della raffineria e alcuni rapporti ora sostengono che potrebbe essere cancellata e spostata altrove.

La raffineria a Anning, appena fuori di Kunming avrebbe dovuto essere completata agli inizi del 2014 e avrebbe dovuto assorbire circa 200.000 barili al giorno per produrre gasolio e diesel e per alimentare un impianto petrolchimico vicino. La capacità di trasmissione massima  è di 440.000 barili e il proprietario principale è la China National Petroleum Corporation (CNPC).

A maggio e giugno, migliaia di residenti di Kunming sono scesi in piazza in una protesta molto rara contro la raffineria e i piani della CNPC di produrre 500.000 tonnellate di tparaxylene (PX), una sostanza chimica cancerogena utilizzata per la produzione di bottiglie di poliestere e plastica.

La CNPC ha dichiarato che un rapporto di valutazione ambientale non mostra alcun pericolo di inquinamento nei confronti della popolazione urbana, ma ad agosto il ministero cinese per la protezione ambientale ha annunciato la sospensione della approvazione del progetto di raffineria programmato sia dal CNPC che da un’altra azienda petrolifera cinese di proprietà pubblica: la Sinopec poiché “lo scorso anno non avevano raggiunto gli obiettivi di riduzione delle emissioni inquinanti “ ha dichiarato ad ottobre l’analista di energia internazionale Platts. Sino ad ora non era chiaro cosa sarebbe successo al progetto di raffineria  di Kunming della CNPC, ma la scorsa settimana un diplomatico dell’ambasciata cinese in Birmania sembra aver dichiarato che si stava rilocalizzandola.

“non si sa quando le operazioni (del gasdotto birmano) inizieranno visto che la raffineria  è stata spostata.” Ha dichiarato un diplomatico dell’ambasciata cinese in Birmania  Sino ad oggi non era chiaro cosa sarebbe successo  al progetto della raffineria di Kunming, ma la scorsa settimana un diplomatico dell’ambasciata cinese in Birmania ha dichiarato che sarà spostata. “non si sa quando entreranno in funzione le operazioni del gasdotto birmano perché la costruzione di una raffineria petrolifera è stata rinviata” ha dichiarato il terzo segretario Huo Winiun al Myanmar Times. “ inizialmente la raffineria avrebbe dovuto essere costruita a Kunming ma ora si pensa che verrà costruita altrove nella provincia dello Yunnan. CNPC a Pechino si è rifiutato di parlare all’Irrawaddy sui ritardi e sulle implicazioni per il gasdotto e ha solo affermato “ancora oggi si fanno i preparativi per iniziare a far funzionare l’oleodotto nel 2014. Un rapporto della Reuters riporta quanto affermato da una ONG locale: la Kyaukphyu Social Network, che la CNPC sta costruendo inoltre dei silos  per il contenimento di petrolio nel suo terminal di trasmissione. Ne costruirà 12 per una capacità di 100.000 metri cubi, che complessivamente saranno 7.5 milioni di barili o l’equivalente di 17 giorni di funzionamento dell’oleodotto a piena capacità.

 “In teoria, la CNPC  potrebbe inviare direttamente il petrolio attraverso l’oleodotto verso altre destinazioni nella Cina sudoccidentale” ha dichiarato all’Irrawaddy l’analista regionale di imprese del settore Collin Reynolds: “Il problema è che le infrastrutture nello Yunnan sono ancora molto limitate”. A meno che la CNPC potrà deviare rapidamente il petrolio pompato attraverso l’oleodotto ci potrebbero essere seri colli di bottiglia di tipo logistico nel suo terminal sulla costa” aveva dichiarato. “ la raffineria nel Kunmink era stata pensata per fornire più del 50% del gas da altre province cinesi.

 Mentre la Kyaukphyu Social Network  sta portando avanti una campagna informativa sulla salute e sicurezza per prevenire o limitare  sversamenti di petrolio a Kyaukphyu a e nelle acque costiere circostanti,  come pure la ppossibilità di accedere nuovamente alle zone fiscali che ora sono vietate alla comunità locale. La rete ha richiesto una serie di informazioni all’ufficio del Presidente [Thein Sein]

L’oleodotto della  CNPC  è il primo a pompare in Cina petrolio che non è direttamente collegato ad un field. Il costo maggiore del trasporto del greggio via nave a Kyawkphyu prima dello scarico e trasferimento rende l’operazione non economica ha dichiarato il giornale d’affari di Pechino  a Cajjing in un rapporto speciale.  La CNPC dovrebbe pagare al governo di Naypydaw  13.6 milioni di $ anno per il gasdotto più 1 $ per ogni tonnellata che  attraversa. Cioè 22 milioni di $, ma solo se opererà a pieno ritmo.

 

 

News