11/11/2015
Ripresi gli scontri nello Stato Shan

Il giorno dopo le  storiche elezioni politiche sono iniziati nuovamente scontri  nella Township di Kyeti, dove secondo la  Shan State Army-North (SSA-N)  l'esercito birmano ha usato attacchi aerei e l'artiglieria  sul quartier generale  di  Wan Hai .

 

“hanno iniziato ad attaccare da ieri sera alle 6" ha dichiarato il prortavoce dell' h SSA-N  Sai Hla. Due aerei dell'aeronautica militare hanno colpito distruggendo un monastero buddhista. Non sappiamo ancora quanti abitanti siano stati feriti"

il conflitto è ricominciato il 6 ottobre e circa 6.000 abitanti hanno lasciato il villaggio. le schermaglie si sono interrotte durante le elezioni.

 

Aung san Suu in una intervista alla BBC  e a Asia News ha affermato che il suo partito ha ottenuto circa il 75% e il minimo per formare un governo è il 67%..

I militari hanno dichiarato che rispetteranno il volere del popolo e che attueranno i risultati elettorali.

 Le è stato chiesto se ritiene che ci possa essere un colpo di coda dei militari. “I tempi sono cambiati, e le persone sono cambiate, ho trovato che le persone sono  molto più  politicizzate di quanto non lo fossero nel 1990 o, di quanto non lo fossero persino nel 2012, e poi c’è stata una evoluzione dell’informazione tutti vanno in rete. Sarà molto più difficile per loro, fare quello che vogliono”. Secondo la Leader birmana le elezioni non sono state eque ma “sostanzialmente libere”. Ci sono state zone in cui vi sono state intimidazioni.

Rispetto al ruolo del futuro presidente, Aung San Suu Kyi ha dichiarato ad Asia News: “Io prenderò tutte le decisioni, perché sono la leader del partito che ha vinto e  il presidente sarà colui che scegliamo, nel rispetto dei dettami della costituzione, e il presidente dovrà capire che non avrà alcuna autorità e che dovrà muoversi sulla base di quanto deciso dal partito. In ogni paese democratico il leader del partito che ha vinto diventa anche il capo del governo e se la nostra costituzione non lo permette dovremo  adottare le decisioni che permettano di far si che si lavori in modo democratico. Se il presidente non avrà alcun potere c’è un governo e il presidente farà ciò che gli viene detto. Siamo stati in grado di sopravvivere perché avevamo il sostegno del popolo.

Le è stato chiesto cosa risponde a coloro chei pensano che lei possa governare con un pugno duro. “noi non potremo governare in modo autoritario perché dipendiamo dal sostegno del popolo e un governo così non può essere autoritario.”

“Se si tratterà dei militari o di un altro organismo, dovremo imparare  a dialogare attraverso il lavoro e non in modo teorico. Quindi come gestiremo la situazione dipende dalla sua evoluzione, non è qualche cosa che si possa definire a priori.”Ufficialmente l’NLD ha dichiarato che Il 25% dovrà essere  eliminato nel tempo e dovremo negoziare questo punto decidendo come affrontare il negoziato. Loro (i militari) dovranno negoziare non appena formeremo il governo.

 

News