Ripresi i negoziati di pace. ma molti sono gli ostacoli prima di arivare ad un accordo definitivo

Il governo birmano, i militari e gruppi etnici armati hanno ripreso venerdì i colloqui a Yangon per porre fine  a decenni di guerra civile. I negoziati sono entrati in una fase finale, prima delle storiche elezioni di novembre.
i negoziati  iniziati quattro anni fa tra i nemici di lunga data dopo la nomina del governo quasi-civile con l’obiettivo di  raggiungere un accordo di cessate il fuoco e risolvere i sanguinosi conflitti etnici.
Ma, le incombenti elezioni generali minacciano di spazzare via dall'ordine del giorno il processo di pace a causa di  persistenti sospetti che continuano a oscurare l'affare.
"La fiducia è molto importante nella trattativa. Potremo avere successo solo se i negoziati si fondano sulla fiducia," La Ja, uno dei leader della delegazione che rappresenta i gruppi etnici armati, ha dichiarato durante discorso di apertura.
In marzo il presidente Thein Sein ha espresso la volontà di arrivare ad un progetto accordo con più di una dozzina di gruppi ribelli dopo decenni di lotta. Questo secondo le Nazioni Unite sarebbe un "risultato storico e significativo".
Ora il governo vuole suggellare un  pieno cessate il fuoco nazione prima delle elezioni dell'8 novembre, che sono considerate come un test chiave delle riforme, dopo decenni di regime militare.
Ma le schermaglie continuano nello Stato di Kachin del nord, dove un accordo di cessate il fuoco è saltato nel 2011, subito dopo la fine del dominio della giunta.
Secondo il negoziatore del governo Aung Min, le parti hanno già concordato di 10 punti e gli ultimi tre punti saranno discussi in una nuova serie di incontri,.
Dopo le discussioni di venerdì si dovrebbero concentrare su altre questioni spinose "oltre il cessate il fuoco a livello nazionale.
I gruppi etnici hanno chiesto che alla firma dell'accordo si includano anche tre gruppi attualmente bloccati in un combattimento con le truppe governative – gli eserciti Arakan, l’ Esercito di liberazione nazionale Ta'ang (TNLA) e Kokang - che gli osservatori dicono abbiano creato un punto di stallo nei colloqui.

 

News