Unione Europea conclusa la visita della Taskforce della UE in Birmania
la UE sottolinea l'importanza di un lavoro di partnership con il paese per la democrazia, ma non dimentica le preoccupazioni per le violenze interetniche e i rapporti e gli arresti di attivisti dei diritti umani.

La UE ha concluso l’importante incontro con le autorità della Birmania, un paese che sta uscendo da una lunga dittatura e dall’isolamento internazionale. La Taskforce della UE  si è riunita per tre giorni in Birmania allo scopo di rafforzare i legami e aiutare la transizione democratica del paese.

 “ Sono qui per incoraggiarvi ad investire nel modo corretto e veramente responsabile, prendendo in considerazione le dimensioni politiche e legali degli investimenti” ha dichiarato Aung San Suu Kyi incontrando la delegazione europea.

 “Dobbiamo lavorare in partnership con voi . Ciò non significa venire ad imporre qualche cosa, ma significa comunicarvi cosa sappiamo. I paesi qui rappresentati,  le imprese qui presenti da tutta l’Europa sanno bene quale percorso deve essere intrapreso da un paese per uscire dall’oppressione  e andare verso la libertà e vogliono sostenere il paese in questo percorso” ha dichiarato il capo della diplomazia europea Catherine Ashton.

 “L’Unione Europea sostiene i progressi fatti dal paese e vuole rafforzare i legami della cooperazione economica e politica, ma questa visita vuole anche sottolineare le preoccupazioni  connesse alle violenze interetniche e ai nuovi rapporti di arresti degli attivisti per i diritti umani” ha detto a Euronews  Isabel Marques da Silva.

 La Birmania ha fatto enormi progressi ma ci sono ancora molte sfide  per il paese asiatico  ha dichiarato il Commissario Europeo allo sviluppo Andris Piebalgs. " Gli sviluppi in atto in Birmania sono senza precedenti  ed hanno bisogno di essere riconosciuti. Ma non dobbiamo dimenticare le sfide rispetto alle quali l’Unione Europea, uno dei principali donatori, continuerà a sostenere le necessarie riforme future nel paese”

 Piebalgs  ha partecipato al primo dialogo bilaterale della task force che ha l’obiettivo di incoraggiare gli sviluppi a livello nazionale.

 Piebalgs  ha confermato che il sostegno ai temi della istruzione, della promozione della pace e dello sviluppo rurale postrebbe raggiungere i 120 milioni di $ annui. I gruppi a sostegno dei diritti umani hanno espresso la loro preoccupazione per quanto riguarda la qualità delle aperture dichiarando che sono state le sanzioni economiche messe in atto nei confronti della precedente giunta militare ad incoraggiare la attuazine delle riforme in Birmania.

Bart Vermeiren,  vice direttore del Comitato della Croce Rossa Internazionale ha dichiarato che il permanere delle tensioni religiose  nello stato Rakhine stanno contribuendo alla crisi umanitaria in atto.

"le condizioni di vita sono state seriamente danneggiate e l’accesso all’acqua pulita e ai servizi sanitari sono stati significativamente ridotti" ha dichiarato.

 

 

.

News